Le camere sono sciolte, al voto per il “nuovo” Governo per il 25 settembre

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, firma il decreto di scioglimento delle camere e avvia la procedura per le nuove elezioni. Finisce con questo atto il governo del presidente del consiglio Mario Draghi. L’Italia dovrà eleggere il nuovo Parlamento il 25 settembre prossimo. Questa la data delle elezioni. Dopo la firma dello scioglimento il presidente Mattarella ha tenuto un discorso al Quirinale.

“Come è stato ufficialmente comunicato, ho firmato il decreto di scioglimento delle Camere affinchè vengano indette nuove elezioni entro il termine di settanta giorni indicato dalla Costituzione” ha detto. “Lo scioglimento anticipato del Parlamento è sempre l’ultima scelta da compiere, particolarmente se, come in questo periodo, davanti alle Camere vi sono molti importanti adempimenti da portare a compimento nell’interesse del nostro Paese. Ma la situazione politica che si è determinata ha condotto a questa decisione. La discussione, il voto e le modalità con cui questo voto è stato espresso ieri al Senato hanno reso evidente il venir meno del sostegno parlamentare al Governo e l’assenza di prospettive per dar vita a una nuova maggioranza. Questa condizione ha reso inevitabile lo scioglimento anticipato delle Camere. Il Governo ha presentato le dimissioni.

 

I commenti sono chiusi.