Un grande Napoli batte l’Eintracht e lancia un forte messaggio in Champions

Da Francoforte arriva un messaggio chiaro, forte. Il Napoli, dopo una prima fase a gironi da protagonista in champions, si conferma squadra di livello internazionale ipotecando anche il passaggio ai quarti di finale con una prestazione superba che annienta i tedeschi dell’Eintracht.
E con questo Napoli, probabilmente, dovrà vedersela chi vorrà arrivare fino in fondo alla massima competizione europea.

Questa sera un convincente 0 – 2, che va sicuramente stretto ai ragazzi di Spalletti per la mole di gioco e di occasioni da rete create. Ma è stato un grande Napoli. Bravo a prendere in mano le sorti dell’incontro dopo un avvio sofferto con i tedeschi aggressivi in tutte le zone del campo e pronti a far valere la propria fisicità.

Un Napoli che non si è scomposto nemmeno dopo aver fallito un rigore che l’imprendibile Osimhen si era procurato con astuzia. Dal dischetto ha fallito Kvara e qui l’emozione ed il peso dell’inesperienza hanno giocato un brutto scherzo al monello georgiano. Che però si è ripreso alla grande con il passare del tempo, diventando una spina nel fianco per la difesa avversaria. Nobilitando la sua prestazione con un magico assist di tacco per capitan Di Lorenzo in occasione del gol del raddoppio. Un’azione corale, questa, tra le più belle dell’incontro, partita dai piedi di un ritrovato Anguissa, tra i migliori stasera.

Nel mezzo , il vantaggio del Napoli con protagonista ancora Osimhen che non si ferma più e, puntualmente, marca il cartellino. Azione con il marchio di fabbrica di Spalletti. Attacco della profondità di Lozano che, imbeccato magnificamente da Lobotka, ha servito un assist al bacio alla pantera dai riccioli d’oro che ha spinto in rete e ringraziato.

Momenti di gioco esaltanti, che mostrano tutta la forza dell’attuale Napoli.
Della sua compattezza, del suo dominio assoluto in tutte le zone del campo. Con una difesa attentissima che anche stasera ha lasciato quasi niente agli avversari. Dove Kim ha giganteggiato sia in marcatura che, addirittura, in fase di costruzione del gioco da dietro.

Questione di equilibri scanditi da un giropalla orchestrato in maniera magistrale da Lobotka ed a turno da tutti gli uomini dello scacchiere azzurro. Un bel vedere insomma. Tale da suscitare anche, udite, udite, i commenti lusinghieri di ex sportivi blasonati prestati a qualche pay TV. Roba da leccarsi le orecchie per dirla alla Ezio Greggio!
Nell’ammirare un Napoli della grande bellezza anche in Champions ed in grado di mantenere alto il livello dell’Italia calcistica in Europa.

Un Napoli che, da questa sera, si sente pronto per giocarsela con chiunque in Champions, dopo aver chiuso i conti con l’Eintracht nel Maradona al ritorno, arrivando il più lontano possibile. Un Napoli però, come traspare dai calciatori e da Spalletti in testa, assolutamente concentrato nel confermarsi come prima forza in campionato. E qui fino alla fine.

Raffaele Castiello

I commenti sono chiusi.