Movida e minori armati a Napoli: 15enne con pugnale, pistola e scooter rubato ferisce carabinieri

L’espressione “soliti controlli” non è mai sufficiente a quantificare l’impegno dei Carabinieri sul territorio. E il binomio movida-controlli non può ridursi ad un elenco di dati senza colore. Perché nella presenza dei militari in strada c’è anche rassicurazione, ci sono cittadini sereni e fette di violenza sottratte a mani incoscienti. Come quelle dei 3 minorenni denunciati nel cuore di Napoli dai militari della compagnia Centro. Nella loro mente solo l’idea di attaccar briga e nelle tasche 3 coltelli e una pistola. Due lame erano rispettivamente nelle mani di un 17enne e un 15enne.

Il terzo, ancora un 15enne, portava incollati alla cintura un pugnale e una pistola replica, col tappo rosso rimosso per non sembrare posticcia. Era in sella ad uno scooter rubato e, quando i carabinieri lo hanno perquisito si è opposto, colpendo chiunque fosse a tiro. Per due militari lesioni guaribili in 7 giorni. Ispezioni anche nei locali dei quartieri spagnoli. Per 4 ristoratori sanzioni salate per occupazione abusiva di suolo pubblico, assenza di autorizzazioni in materia di impatto acustico, insegne e tendaggi abusivi. Due i parcheggiatori abusivi denunciati, decine le contravvenzioni al codice della strada agli svariati centauri in marcia lungo le aree pedonali di piazza Dante. Tre i giovani sanzionati per droga.

A qualche chilometro di distanza ma nel versante opposto della città, controlli dei carabinieri della compagnia di Bagnoli a Posillipo, Fuorigrotta e Coroglio. Si parte proprio da Coroglio, dove si concentrano decine di locali notturni. Un 29enne è stato denunciato perché ha ritenuto di poter eludere il lettore di targa all’ingresso di via Nisida. Ha avvolto la targa dello scooter con il suo giubbino. La trovata creativa non è sfuggita ai carabinieri, fermi per un posto di controllo pochi metri dopo il varco. Denunciati anche un 61enne del rione Traiano, in moto nonostante la patente revocata e un 39enne, evaso dai domiciliari. Tre i parcheggiatori abusivi segnalati all’autorità giudiziaria, altrettanti i giovani sorpresi in un locale sequestrato perché ritenuta una piazza di spaccio. Sono stati denunciati per violazione di sigilli. Non è mancata la droga: 26 i grammi di cocaina sequestrati a carico di ignoti, 3 gli assuntori di stupefacenti sanzionati amministrativamente e segnalati alla Prefettura.

 

I commenti sono chiusi.