Appalti pilotati a San Felice a Cancello, tutti assolti gli imputati

San Felice a Cancello (Caserta) – Si è concluso con l’assoluzione di tutti gli imputati, al tribunale di Santa Maria Capua Vetere, il processo per le infiltrazioni camorristiche al comune di San Felice a Cancello che aveva portato nel maggio 2018 allo scioglimento dell’ente per condizionamento della criminalità, in particolare da parte del clan Zagaria.

Il collegio ha assolto l’ex sindaco di San Felice a Cancello, nonché ex consigliere regionale Pasquale De Lucia, finito al centro di numerose indagini e già condannato con sentenza definitiva a sette anni per corruzione nel maggio 2021 sempre in relazione alla gestione del comune di cui De Lucia è stato sindaco per due mandati.

Assolti anche Antonio Zagaria, fratello del capo del clan dei Casalesi Michele Zagaria, Rita Di Giunta, collaboratrice di De Lucia, e altre quattro persone, in particolare l’imprenditore Oreste Fabio Luongo, l’ex consigliere comunale di San Felice a Cancello Clemente Biondillo, Francesco Di Giunta e Giuseppe Alfonso Di Giunta, fratello e papà di Rita Di Giunta.

Accusa principale per tutti era quella di aver pilotato gli appalti del comune casertano facendoli aggiudicare alle aziende del clan Zagaria; “registi” dell’operazione sarebbero stati dietro il pagamento di tangenti proprio De Lucia e Di Giunta, per i quali infatti la Dda di Napoli aveva invocato 14 anni di carcere (sei quelli richiesti per Antonio Zagaria).

Ma i giudici non hanno condiviso l’ipotesi accusatoria, così come non hanno dato peso alle accuse del collaboratore di giustizia, sentito nel processo, Nicola Schiavone, figlio primogenito del capoclan dei Casalesi Francesco “Sandokan” Schiavone; Schiavone jr aveva raccontato come nel Comune di San Felice a Cancello vi fosse in passato un tecnico che aveva il compito di raccogliere le tangenti dai vari imprenditori e di distribuirli al clan. De Lucia ha sempre rispedito al mittente le accuse.

I commenti sono chiusi.