Wine Experience Montemarano 2012, Viaggi di Gusto


Il Paese dell’oro rubino,al centro del triangolo d’oro nella meraviglia del grande Taurasi. Una bella manifestazione, semplice e ben organizzata che ha visto la presenza di molti turisti in specie del napoletano come al solito curiosi e in cerca di eccellenze; al contrario degli altri corregionali chiusi nel loro provincialismo. Tanti gli stand presenti in un percorso che prevedeva oltre alle tante cantine, numerose altre eccellenze dell’Irpiniashire. Per cui salumi formaggi grappe e altre leccornie, nonché stand di primi e secondi con musica ad allietare gli ospiti. Tanti amici presenti di cui è d’obbligo citare la partecipazione. Ovviamente lo stand che ha acceso la mia luce è stato il Cancelliere, che presentava una gustosa novità rappresentata dall’Aglianico 2009, molto fresco e beverino,che faceva compagnia ai due grandi campioni della casa: il Gioviano 2008, animalesco e dall’acidità penetrante ed il campione, il NeroNè 2006. Amo questo vino, è complesso, ricco di sfaccettature, non per tutti, ma degno rappresentante del Taurasi nel mondo, un grandissimo vino che Soccorso e Antonio Di Gruttola hanno curato naturalmente con risultati straordinari. E poco più avanti era presente anche lo stand di Antonio con la frizzante consorte Daniela, titolare di Cantina Giardino, alla nutrita batteria di vini naturali è difficile resistere, ma il Drogone lo provo con estrema gioia. Ottimi maccheroni impastati con l’aglianico ed il famoso baccalà montemaranese.
Segnalo con estremo piacere la nascita di tante nuove cantine e aziende agricole,e, in un momento così delicato è d’uopo fare un in bocca al lupo a questi giovani. Cito
LA MALVIZZA in San Giorgio La Molara (BN) ottimi formaggi freschi e stagionati e ricotta
TERRE DI VALTER in Santa Paolina (AV) giovane cantina che produce aglianico, greco e falanghina
AZIENDA VINICOLA DEDIM in Montemarano (AV) con un buon Taurasi
AZIENDA AGRICOLA BOCCELLA SERGIO in Montemarano (AV) un buon aglianico e una coda di volpe
FONZONE in PAternopoli (AV) con Aglianico Greco e Fiano
Una menzione speciale va poi ad una ditta che è un vero e proprio fiore all’occhiello del territorio campano e non solo, la ditta ANTONIO CIONE con sede a Caposele (AV) è una prestigiosa azienda che si occupa della costruzione di Tini e Botti. Antonio è una persona deliziosa ed il suo lavoro è straordinario, per contatti www.bottaicione.it
Una bellissima chiacchiera con gli amici, tra cui Cantina dell’Angelo di Tufo, e Rita del Cancelliere che oltre a delucidarmi sulle origini di questo delizioso paese, mi confida ciò che per rappresenta musica per le mie orecchie, ossia che molti giovani e meno giovani stanno facendo ritorno ai paesi di origine, coltivando il sogno del vino grazie a ciò che questa magnifica natura dona, ed utilizzando l’esperienza dei tanti anziani viticoltori che ormai avevano abbandonato i loro terreni.
Gianluigi Carlino
Foto D.Ruffolo

I commenti sono chiusi.