Grande successo per la prima edizione di Tasting Vesuvio


Una serata dai mille significati nell’incantevole cornice del territorio vesuviano. Ecco come, con una breve frase, può essere riassunto Tasting Vesuvio, primo evento organizzato dall’associazione di Terzigno Radici Laviche.
Nato con l’obiettivo di valorizzare il territorio del Vesuvio nel rispetto delle sue tradizioni e vocazioni, il gruppo presieduto da Pierluigi Aliperta ha fatto centro al primo tiro.
Complice la serata serena e fresca, le diverse aziende che hanno preso parte all’iniziativa e la luna piena che, si sa, non guasta mai, i visitatori che hanno raggiunto Tenuta Giuliano, location dell’evento, sono stati davvero numerosi.
«Il messaggio che abbiamo voluto lanciare – ha commentato l’emozionato ma entusiasta Pierluigi Aliperta – è che anche qui ce la possiamo fare. Le aziende che sono qui stasera sono la testimonianza di imprenditori che hanno deciso di rimanere nelle proprie terre, di sfruttare quanto queste offrono».
E a vedere i diversi stand messi uno accanto all’altro, in semicerchio, separati solo da pali di castagno, si capisce bene quel che il presidente di Radici Laviche vuol dire: «Non ci deve essere competizione né contrasto tra chi vive di questa terra. Bisogna lavorare insieme».
E così ecco aziende agricole e aziende vitivinicole, pastifici, panifici, ristoranti e botteghe artigiane esporre le une accanto alle altre, unite dal comune denominatore della terra, la terra di fuoco che i visitatori hanno calpestato.
A impreziosire il tutto, musica e performance live sotto la luce delle stelle, della luna di cui sopra e delle luci del ristorante Terra di Fuco.
«La nostra – ha concluso Aliperta – vuole essere un’associazione culturale propulsiva, e Tasting Vesuvio è solo il primo passo del nostro percorso». Un primo passo davvero ben compiuto, che lascia ben sperare per il prosieguo del cammino.
Carmine De Cicco

I commenti sono chiusi.